async="async">

Combatte contro la mafia italiana - da Möhlin

23.05.2023

Leoluca Criscione vuole mobilitare le persone. Gente che, come lui, viene da Corleone in Sicilia. Da Möhlin contro la mafia: una cooperativa dovrebbe aiutare.

Hans Christof Wagner

25/04/2012, 14:22

Notare Premere Diviso 


Prof. Dr. Leoluca Criscione vuole liberare la sua città natale, Corleone, dall'immagine mafiosa. hcwQuando le persone gli chiedono da dove viene, all'inizio dice sempre "Italia". Poi la maggior parte di loro ha sondato finché non è stato finalmente chiaro da dove venisse esattamente: dalla Sicilia, dalla piccola città di Corleone.Leoluca Criscione non si vanta della sua città natale. Il nome è troppo carico per quello: Corleone, culla della mafia, modello per il romanzo di Mario Puzo del 1969 "Il Padrino".Criscione era a New York per lavoro quando ne è stato tratto un film negli anni '70, con Marlon Brando e Al Pacino. Per i suoi colleghi americani era il Don in persona, Don Corleone.Lava il tuo luogo di nascitaMa questo non lo lusingava. 

Anche allora gli dava sui nervi. Oggi gli dà fastidio che, in quanto siciliano, sia sempre accomunato a Cosa nostra.Vuole combatterlo da Möhlin e ripulire il nome della sua città natale. Quell'anno quasi si candidò a sindaco della città che partì per la Svizzera nel 1965 all'età di 18 anni. Ma quando ha saputo del ritorno di Giuseppe Cipriani, ha deciso di non farlo. Cipriani è il suo uomo. Sindaco dal 1993 al 2002, si è affermato come combattente contro la mafia. Ha osato confiscare i beni di vari mafiosi. Nel 1995 fu addirittura ospite a Möhlin, allora abitata da circa 500 italiani, di cui 150 solo siciliani.rafforzare l'agricolturaOra Cipriani torna a correre. L'elezione del sindaco si svolgerà il 6 e 7 maggio. Criscione è appena tornato a Corleone per sostenere il candidato e mostrare nuove strade alla popolazione locale. Uscite dai vecchi assetti, dalla dipendenza dalla mafia.L'idea di Criscione: rafforzare l'agricoltura di Corleone costruendo strutture cooperative. I contadini del paese esportavano ortaggi, vino, frutta e formaggi con il proprio marchio di origine.  

Si dice che nel mondo ci siano 25.000 Corleonesi, più del doppio dell'attuale popolazione della città siciliana. Questi corleonesi dovrebbero comprare i beni della loro vecchia patria - per orgoglio e come segno di solidarietà nella lotta alla mafia.Criscione ha calcolato che questi 25.000 potrebbero sviluppare un enorme potere di mercato - se hanno ancora la connessione.Criscione, che non ha dubbi, potrebbe essere una sorta di coordinatore di questo processo, un ambasciatore in viaggio all'estero per costituire una coalizione antimafia. Sarebbe adatto a questo: il figlio della città, che ha studiato farmacia a Basilea e può vantare molti anni di lavoro di ricerca.Combatte contro la mafia italiana - da MöhlinLeoluca Criscione vuole mobilitare le persone. Gente che, come lui, viene da Corleone in Sicilia. Da Möhlin contro la mafia: una cooperativa dovrebbe aiutare.

Quando le persone gli chiedono da dove viene, all'inizio dice sempre "Italia". Poi la maggior parte di loro ha sondato finché non è stato finalmente chiaro da dove venisse esattamente: dalla Sicilia, dalla piccola città di Corleone.Leoluca Criscione non si vanta della sua città natale. Il nome è troppo carico per quello: Corleone, culla della mafia, modello per il romanzo di Mario Puzo del 1969 "Il Padrino".Criscione era a New York per lavoro quando ne è stato tratto un film negli anni '70, con Marlon Brando e Al Pacino. Per i suoi colleghi americani era il Don in persona, Don Corleone.Lava il tuo luogo di nascitaMa questo non lo lusingava. Anche allora gli dava sui nervi. Oggi gli dà fastidio che, in quanto siciliano, sia sempre accomunato a Cosa nostra.Vuole combatterlo da Möhlin e ripulire il nome della sua città natale. Quell'anno quasi si candidò a sindaco della città che partì per la Svizzera nel 1965 all'età di 18 anni. Ma quando ha saputo del ritorno di Giuseppe Cipriani, ha deciso di non farlo. Cipriani è il suo uomo. 

Sindaco dal 1993 al 2002, si è affermato come combattente contro la mafia. Ha osato confiscare i beni di vari mafiosi. Nel 1995 fu addirittura ospite a Möhlin, allora abitata da circa 500 italiani, di cui 150 solo siciliani.rafforzare l'agricolturaOra Cipriani torna a correre. L'elezione del sindaco si svolgerà il 6 e 7 maggio. Criscione è appena tornato a Corleone per sostenere il candidato e mostrare nuove strade alla popolazione locale. Uscite dai vecchi assetti, dalla dipendenza dalla mafia.L'idea di Criscione: rafforzare l'agricoltura di Corleone costruendo strutture cooperative. I contadini del paese esportavano ortaggi, vino, frutta e formaggi con il proprio marchio di origine.

Si dice che nel mondo ci siano 25.000 Corleonesi, più del doppio dell'attuale popolazione della città siciliana. Questi corleonesi dovrebbero comprare i beni della loro vecchia patria - per orgoglio e come segno di solidarietà nella lotta alla mafia.Criscione ha calcolato che questi 25.000 potrebbero sviluppare un enorme potere di mercato - se hanno ancora la connessione.Criscione, che non ha dubbi, potrebbe essere una sorta di coordinatore di questo processo, un ambasciatore in viaggio all'estero per costituire una coalizione antimafia. Sarebbe adatto a questo: il figlio della città, che ha studiato farmacia a Basilea e può vantare molti anni di lavoro di ricerca.